Sbrisolona con fave di cacao e miele

La torta sbrisolona è il simbolo della pasticceria mantovana e deve il nome alla sua friabilità, alle briciole grandi e piccole che si formano quando viene spezzata con le mani per essere consumata.

La sbrisolona ha origini contadine, come testimonia l’uso della farina di mais, ingrediente fondamentale della ricetta nata a cavallo tra ‘500 e ‘600. Era il dolce delle occasioni speciali, come la nascita di un bambino o una promessa di matrimonio, ed era fatta per essere conservata a lungo.

Ovviamente anche i Gonzaga, signori di Mantova, ebbero un ruolo nell’evoluzione della sbrisolona: per loro volere infatti la ricetta fu ingentilita grazie alla sostituzione dello strutto in burro ed arricchita con una buona dose di spezie e mandorle.

La ricetta dell’Emilia di oggi è una rielaborazione rustica ma golosa dell’amatissima Sbrisolona Mantovana.

Ingredienti:

Farina Integrale 130gr

Farina di tipo 1 300gr

Fioretto di Mais 70gr

Zucchero integrale 190gr

Burro 200gr

Mandorle tritate tostate 140gr

Fave di cacao 30gr

Miele di Castagno Oro Emiliano 35gr

2 uova intere

Un pizzico di sale

Procedimento:

Mescolare tutti gli ingredienti secchi. Aggiungere successivamente il burro ammorbidito ma non liquido. Amalgamare piano piano le uova con le mani.

Stendere su una teglia (sbriciolando l’impasto) per creare uno strato di circa 1 cm senza calcare.

Cuocere in forno statico a 170° per 40-45 minuti.

Gustare rigorosamente con le mani!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *